Scegli la tua regione e lingua

Vai

Menu

Press Release Zurich, Italy 05-10-2021

6 min read

Il consorzio guidato da Hitachi ABB Power Grids si aggiudica un importante contratto per la prima interconnessione HVDC su larga scala in Medio Oriente e Nord Africa

L'innovativo collegamento intercontinentale permetterà lo scambio di elettricità tra Arabia Saudita ed Egitto, aumentando la resilienza della rete per un futuro a zero emissioni

La più grande interconnessione HVDC su larga scala tra Medio Oriente e Nord Africa
La più grande interconnessione HVDC su larga scala tra Medio Oriente e Nord Africa

Un consorzio guidato da Hitachi ABB Power Grids si è aggiudicato un contratto per centinaia di milioni di dollari da Saudi Electricity Company e da Egyptian Electricity Transmission Company per la prima interconnessione HVDC su larga scala in Medio Oriente e Nord Africa.

L’interconnessione permetterà al Regno dell'Arabia Saudita e alla Repubblica Araba d'Egitto di scambiare fino a 3.000 MW di elettricità - molti dei quali dovrebbero essere generati da fonti di energia rinnovabili in futuro. La connessione sosterrà il flusso di energia in più direzioni tra tre terminali e sarà la prima interconnessione che permetterà lo scambio di energia elettrica tra i due paesi.

Il leader mondiale tecnologico e di mercato fornirà tecnologie avanzate per il collegamento ad alta tensione in corrente continua (HVDC) tra i paesi. Questo include la fornitura di tre converter HVDC a Medina e Tabuk in Arabia Saudita e Badr in Egitto1. L'azienda fornirà anche studi di sistema, progettazione e ingegneria, trasformatori, valvole, attrezzature ad alta tensione, consulenza tecnica, messa in servizio e assistenza, in collaborazione con due partner del consorzio - Saudi Services for Electro Mechanic Works in Arabia Saudita e Orascom Construction in Egitto.

Il collegamento HVDC darà all'Egitto l'accesso alle reti elettriche interconnesse del Golfo Persico e all’Arabia Saudita l'accesso a quelle del Nord Africa, rafforzando la resilienza della rete e la sicurezza dell'approvvigionamento energetico. Entrambi i paesi hanno ambiziosi obiettivi di neutralità carbonica. Il Regno dell'Arabia Saudita sta lavorando per aumentare la quota di gas naturale e di fonti di energia rinnovabili a circa il 50% entro il 20302 e la Repubblica Araba d'Egitto intende aumentare la fornitura di elettricità generata da fonti rinnovabili al 42% entro il 20353. La connessione contribuisce direttamente alla realizzazione di questi obiettivi. Il valore dell'investimento nel paese è significativo, generando nuovi posti di lavoro e il trasferimento di conoscenze per le persone in Arabia Saudita e in Egitto.

Secondo S.A.R. il principe Abdulaziz Bin Salman - ministro saudita dell'energia – si tratta di un’importante  pietra miliare che evidenzia le linee guida la corretta attenzione prestata dai due paesi fratelli, rappresentati dal Custode delle Due Sante Moschee - Re Salman bin Abdulaziz Al Saud e Sua Eccellenza il presidente Abdelfattah Al-Sisi. Tra un pacchetto di accordi economici, di sviluppo e politici accordati dai due paesi, il MOU è venuto alla luce, rafforzando la prospera cooperazione di Arabia Saudita ed Egitto nell'interconnessione delle loro reti elettriche.

S.A.R. il ministro dell'energia ha sottolineato che i piani d'interconnessione elettrica in Arabia Saudita sono conformi alla Vision 2030 e sono oggetto di attenta cura da parte di Sua Altezza Reale il principe Mohammed bin Salman, principe ereditario, vice primo ministro e ministro della difesa. Sfruttando la sua posizione strategica e ottimizzando la più grande rete elettrica del Medio Oriente e del mondo arabo, l’Arabia Saudita punta ad essere un hub regionale per lo scambio di energia e un trader di primo piano nel mercato.

S.E. il ministro egiziano dell'elettricità e delle energie rinnovabili, il dottor Mohamed Shaker El-Markabi, ha affermato che il progetto riflette le profonde relazioni egiziano-saudite nel corso della loro ricca storia e la loro leadership. El-Markabi ha anche evidenziato gli incessanti sforzi dell'Egitto e dell’Arabia Saudita per raggiungere obiettivi sociali ed economici sostenibili in tutto il mondo arabo. Ha affermato che tale interconnessione congiunta è un inizio per un'interconnessione pan-araba, a complemento delle loro visioni verso il 2030.

Il ministro egiziano dell'elettricità e delle energie rinnovabili ha aggiunto che la robusta connessione tra due delle più grandi reti elettriche della regione promette stabilità e affidabilità nella fornitura di energia, con una crescita dei ritorni economici e di sviluppo dallo scambio di circa 3000 megawatt di elettricità.

Mostrando i loro importanti piani di espansione per le risorse energetiche rinnovabili, tale cooperazione è una valvola di sicurezza per la natura instabile delle energie rinnovabili. Enormi investimenti saranno dedicati nel prossimo futuro per affrontare questa natura instabile.

"La transizione dell'energia pulita è una delle sfide più urgenti e importanti dei nostri tempi e dobbiamo innovare e collaborare per accelerare il nostro futuro senza carbonio", ha detto Claudio Facchin, CEO di Hitachi ABB Power Grids. Ha continuato: "Siamo orgogliosi di avere l'opportunità di lavorare con i nostri stimati clienti e partner nel Regno dell'Arabia Saudita e nella Repubblica Araba d'Egitto per questo prestigioso progetto. In Hitachi ABB Power Grids, stiamo rendendo possibili le interconnessioni tra i continenti, con una capacità unica di scambiare energia elettrica in modo affidabile su larga scala, attraversando i confini e i fusi orari".

Nel lungo termine, il collegamento avrà il potenziale per essere parte di un sistema energetico ancor più interconnesso con l'Europa e il Mediterraneo orientale, permettendo lo scambio di energia solare dal sud e dall'est con l'energia eolica e idroelettrica dal nord.

Interconnessione HVDC Arabia Saudita-Egitto:

L'interconnessione HVDC trasporterà fino a 3.000 MW di elettricità a 500 kV lungo 1.350 km usando linee elettriche aeree e un cavo sottomarino attraverso il Mar Rosso. L'energia sarà in grado di fluire in più direzioni tra i tre terminali - per esempio, da Tabuk a Badr, ma anche contemporaneamente da Tabuk a Medina. Con il sistema di controllo MACH™ all'avanguardia, il flusso di energia può essere controllato e invertito tra le stazioni senza interrompere il flusso continuo di energia, fornendo la massima flessibilità, la resilienza della rete e la sicurezza delle forniture a entrambi i paesi.

L'HVDC è una tecnologia chiave per la transizione energetica sostenibile e Hitachi ABB Power Grids aggiunge continuamente nuova capacità per soddisfare la crescente domanda di soluzioni HVDC a livello globale. Per esempio, Hitachi ABB Power Grids è stata coinvolta nel go live del North Sea Link, che è stato messo in servizio commerciale all'inizio di questo mese. Con i suoi 720 km, il North Sea Link è il più lungo cavo elettrico sottomarino del mondo che collega i mercati dell'energia della Norvegia e della Gran Bretagna e consente lo scambio di energia rinnovabile tra i paesi. Hitachi ABB Power Grids ha aperto la strada alla tecnologia HVDC commerciale quasi 70 anni fa e ha realizzato più della metà di tutti i progetti HVDC nel mondo.

Note

1. Medina è la quarta città più grande dell'Arabia Saudita e Tabuk è vicina alla progettata nuova area di Neom. Badr è una città industriale in forte crescita vicino a Il Cairo e al canale di Suez.

2. Gli obiettivi di neutralità carbonica per il Regno dell’Arabia Saudita sono pubblicati qui

3. Gli obiettivi di neutralità carbonica per la Repubblica Araba d’Egitto sono pubblicati qui.

About Hitachi Energy

 

Hitachi Energy is a global technology leader that is advancing a sustainable energy future for all. We serve customers in the utility, industry and infrastructure sectors with innovative solutions and services across the value chain. Together with customers and partners, we pioneer technologies and enable the digital transformation required to accelerate the energy transition towards a carbon-neutral future. We are advancing the world’s energy system to become more sustainable, flexible and secure whilst balancing social, environmental and economic value. Hitachi Energy has a proven track record and unparalleled installed base in more than 140 countries. Headquartered in Switzerland, we employ around 38,000 people in 90 countries and generate business volumes of approximately $10 billion USD.

Contacts

Media Relations Hitachi Energy

Rebecca Bleasdale / Head of External Communications, Content & Media Relations

Mobile phone number: +41 78 643 26 13

E-mail addresses: rebecca.bleasdale@hitachienergy.com